7.4. C’è o Ci sono / verbo ESSERCI

Translate

AfrikaansAlbanianArabicArmenianAzerbaijaniBelarusianBosnianBulgarianChinese (Traditional)CroatianCzechDanishDutchEnglishEsperantoFinnishFrenchGermanGreekHindiHungarianIcelandicIndonesianIrishItalianJapaneseKazakhKoreanLithuanianMacedonianMongolianNorwegianPersianPolishPortugueseRomanianRussianScottish GaelicSerbianSlovakSlovenianSpanishSwedishTamilThaiTurkishUkrainianUzbekVietnamese

 

  C’è o Ci sono / verbo ESSERCI

 

 

 

Abbiamo imparato  i presentativi “c’è” e “ci sono”, come negli esempi che abbiamo visto prima:

In inverno c’è la neve. (singolare)

In primavera ci sono i fiori e le farfalle. (plurale)

 

Che cosa c’è sul tavolo?

Sul tavolo c’è un libro (singolare), ci sono le chiavi (plurale) e c’è un bicchiere d’acqua.

Il “c’è” ed il “ci sono” indicano che esiste una cosa in un posto preciso.

C’è + singolare

Ci sono + plurale

C’è un quaderno sul tavolo.
Marco non c’è.
In cucina ci sono mamma e papà.
I libri non ci sono.

 

 

Oltre al verbo ESSERCI abbiamo menzionato i verbi ALZARSI, LAVARSI, BERE, VESTIRSI, ANDARE, LEGGERE, PRANZARE, ASCOLTARE, GUARDARE, USCIRE, DORMIRE.

 

Avete notato che questi verbi finiscono in –ARE come per esempio: GUARDARE,

In – ERE come per esempio: LEGGERE,

In  IRE come per esempio: DORMIRE,

E anche i verbi che alla fine hanno –SI : ALZARSI. In questo caso SI alla fine del verbo è il pronome riflessivo e quindi si tratta di un verbo riflessivo.

Poi, nella lingua italiana ci sono i verbi irregolari, come per esempio: USCIRE, ANDARE, BERE

Adesso impariamo a coniugare questi verbi all’indicativo presente.

 

 

Leave a comment